Ragade anale

Per saperne di più

Ragade anale

La ragade anale, è una piccola ferita nella parte esterna del canale anale ove la cute è più sensibile. Ha una considerevole difficoltà a guarire spontaneamente  e si si riscontra assai di frequente nella pratica proctologica. E’ caratterizzata da una sintomatologia dolorosa realmente sproporzionata all’entità del danno anatomico e, a volte, tale da superare qualunque tipo di dolore che il paziente abbia provato in precedenza.

Spesso viene confusa non solo dai pazienti , ma anche dai medici, con le emorroidi. Non ha alcuna tendenza a evolvere in tumore. Una visita proctologica eseguita con un anoscopio permette una diagnosi precisa. A seconda dei casi la ragade può essere trattata con terapia medica basata sulla dilatazione anale per gradi eseguita con  appositi dilatatori di varie misure e lubrificati con creme o gel. In alternativa, con un intervento chirurgico.